https://img0.etsystatic.com/042/0/8275223/il_fullxfull.605793354_waz8.jpg
Life Inspiration

Aspetta un attimo, forse dovrei farlo anche io.

Sa ssa sa sa, prova prova prova. Sa ssa sa ssssa.

Eccoci qui! Ciao a tutti!

Fefa.it è nata ufficialmente il 31 gennaio del 2015.

(Grazie, grazie, grazie, ora però potete anche smetterla di urlare, tirare reggiseni, suonare trombette e strapparvi i capelli. Ricomponiamoci.)

In quei giorni fuori c’era la neve, ed era chiusa in casa con due genitori a letto con la febbre a 39. (what a wonderful world).

Non avrebbe mai pensato realmente di finire qui, e neanche voi, adesso.

Il fatto è che la parola preferita di Fefa è NO, mentre la sua sensazione preferita è l’ansia.

Così, tanto per presentarmi al meglio delle mie qualità.

Di solito quando Fefa dice: questa cosa non la farò mai, e poi mai, poi finisce per farla. (dico a te, fidanzato che non mi sopporti più.) Magari ci mette, come per questo blog, una decina di anni a convincersi, ma meglio tardi che mai, no?

Per esempio, con i Social Network. Ah io, a questa ROBA non mi ci iscriverò mai! (con tanto di crocifisso sventolato al vento). E qualche giorno fa volevo diventare Social Media Specialist. O per lo snowboard. Ma no, qui vi dico teneramente che non c’è speranza, però ecco, almeno ci provo.

Fefa ha passato venti lunghi anni della sua vita schivando alla meglio la domanda: “Cioè, tu non ce l’hai un blog???” con spiegazioni più o meno esaurienti. “No. Sai, la privacy. ” Oppure. “No, preferisco investire il mio tempo in cose concrete.” (Sottotitolo: Bravi!!! pure qua volete farvi gli affaracci miei?)

Insomma, un blog è una cosa seria. Invece oramai ce l’ha pure il tabaccaio vicino casa, e io di solito sto a distanza dalle cose che fanno tutti per moda. Personalmente ho sempre avuto il terrore di scrivere banalità e non riuscire a fare la differenza. Ma soprattutto, sarei stata capace di comunicare “davvero” quello che voglio dire? Quindi, pensavo, meglio star zitti se non si ha nulla di utile da esprimere. Un po’ come quei cantanti che fanno canzoni sempre uguali.

E inoltre, mi vergognavo sul serio e infine, dettaglio fondamentale, non ero ancora pronta.

Poi l’anno nuovo è iniziato e mentre mi accasciavo su una serie infinita di paturnie alla Audrey, ho realizzato di avere una faccenda in sospeso con me stessa, così ho deciso di far partire il 2015 in maniera diversa, con scelte più fedeli a quello che sono. Ci sono momenti in cui la vita cambia completamente il suo corso, e al mattino sembriamo svegliarci sotto altre vesti, nuove idee, diverse abitudini, sorprendentemente più coraggiosi. Vi è mai capitato? Ecco, a me sì. A volte bisogna credere in se stessi, LASCIARSI ANDARE e dirsi: Ehy, aspetta un attimo, forse dovrei farlo anche io.

Da qualche parte, giorni fa, ho letto che esiste un legame tra la crescita personale e le farfalle, ovvero molti di noi si sentono come dei bruchi, e non aspettano altro che liberarsi dei loro bozzoli per volare a Primavera. Quanto è terribile la sensazione che la vita reale si stia svolgendo da qualche parte, senza di noi, proprio dietro l’angolo?

Ah, state dicendo che però sono maleducata e che non mi sono ancora presentata? Come funziona? Volete una sorta di presentazione in power point con una “Reason Why”? Dovrei riassumervi la mia vita cantandovela in stile sigla del Principe di Bel Air? Oppure un discorso drammatico con il fazzoletto in mano, tipo Golden Globes: “Ebbene, il grande giorno è arrivato anche per me…vi ringrazio di essere tutti qui riuniti per celebrare…

Nienteaffatto! Sono appena arrivata e già mi mettete ansia, oh! (L’avevo detto sopra che ero una tipa ansiosa, pure voi…)

La mia idea è: ogni tanto vi scriverò qualcosa, quello che mi è capitato o quello che ho visto, e avremo un rapporto assolutamente schietto e rilassato. Voglio poter comunicare quello che io ho sempre cercato negli altri blog, e cioè un punto di vista personale sugli argomenti più svariati, un’ispirazione, un consiglio, una risata che colori anche la più tetra delle vostre comuni giornate. Raccontare, condividere, emozionare, insomma, senza lasciarvi mai a digiuno di energia.

Parentesi per le donne: a furor di popolo finalmente terrò (anche) una rubrica di bellezza, benessere, alimentazione, così quando vi incontro non vi manderò più in sfinimento per parlarvi del The Matcha. A proposito, avete mai provato le barrette con il cioccolato fondente?

Momento commovente: se sono qui lo devo anche a tutte quelle persone che nel corso di questi anni mi hanno sempre spronato con tutte le forze a credere in me stessa, a non smettere di sognare, e qui approfitto per ringraziarle (Ciao Mauro! Ciao Luana! e tanti altri, come Enrico, che ha realizzato questo blog). Tutti voi mi avete fornito gli elementi concreti per iniziare questa avventura. Ma sono qui soprattutto per quelli che in me non ci hanno MAI creduto e che mi hanno sottovalutato. (Sì, questo blog è soprattutto per voi, brutti gufi rosiconi.)

Graficamente c’è ancora del lavoro da fare, quindi perdonatemi se qualcosa non vi garba … e Stay Tuned.

PS. In questo blog ci sarà la musica. Lo so non si usa, non la sopportate, bla bla, ma potete abbassarla o spegnerla, se vi dà fastidio, d’accordo? Io scommetto che vi piacerà.

Caro destino, se ti ho perso è stato solo per un attimo.

In bocca al lupo e benvenuta a me!

Un bacio … Fefa

Next Post

You Might Also Like

5 Comments

  • Reply Sergio Gallo 11 febbraio 2015 at 21:33

    ..”raccontare, condividere, emozionarsi”.. la storia della mia vita..mi piace

  • Reply Davide 11 febbraio 2015 at 22:51

    presentazione molto affascinante ed accattivante, tiferemo per te Fefa!

    • fefa
      Reply fefa 11 febbraio 2015 at 22:56

      Grazie!

  • Reply Lulù 13 febbraio 2015 at 22:18

    “Ci sono momenti in cui la vita cambia completamente il suo corso… Vi è mai capitato?”
    Sì, e più volte. Cambiamenti covati nel tempo e poi semplicemente esplosi oppure quando l’impensabile viene a bussarti alla porta. Ed è meraviglia, liberazione, gioia, immensa gratitudine.
    Le stesse sensazioni che auguro a te di provare ogni volta che vorrai condividere un pezzo d’anima con noi, ogni volta che aprirai le porte della tua nuova “casa” a chiunque vorrà visitarti per, pian piano, iniziare a conoscersi, sorprendersi, riconoscersi.
    Sì, lasciati andare, raccontaci, coinvolgici, emozionaci, energizzaci!!!!!!!!!!!!!
    Ora puoi farlo, sai farlo e, cosa più importante, vuoi farlo.
    Continua ad ascoltarti, elimina i rumori in sottofondo e regola bene il volume.
    “Sa ssa, prova, prova”… Ti riceviamo forte e chiaro, mia cara, forte e chiaro perciò aaaaaavanti tuttaaaaaa capitano, l’intera ciurma è con te!!!!!!!!!!!!!!

    P.S.: Ehi, mica male l’idea di una sigla/promo stile Principe di Bel Air ahahah!!

    • fefa
      Reply fefa 13 febbraio 2015 at 22:36

      Ti aspettavo! Grazie :)

    Leave a Reply