Blog, Travel

Nel blu tra il cielo e le onde — La Riviera del Conero, Marche

“Per me è fondamentale credere in un mondo migliore. Ci sono così tanti problemi – la povertà, le malattie, l’inquinamento – che essere ottimisti richiede disciplina.”

 

Parola del fotografo danese Joakim Eskildse, che ha descritto così la sua prima mostra alla Royal library di Copenaghen, ricca di immagini piene di speranza e magia. Comunque non è di questo che volevo parlarvi, ma della sua disciplina: in fondo, il segreto per pensare positivo sta tutto lì, nel coltivare la meraviglia.

Il mio modo personale per rimetterla in circolo, ad esempio, è quello di inseguire il colore, racchiuso nelle meravigliose spiagge del Parco Naturale della Riviera del Conero, nelle Marche, che con le sue acque blu circondate dal verde del Monte Conero (m.572), sembrano quasi isole delle Antille.

Sì, la mia è una dichiarazione d’amore.

Un piccolo paradiso terrestre low cost in cui torno ogni volta che posso, perché è uno di quei luoghi che ti riempie il cuore di leggerezza quando ne hai bisogno.

Spiaggia San Michele e Sassi Neri, Sirolo - Marche

No, non sono i Caraibi, ma la  lunga e selvaggia spiaggia di San Michele e Sassi Neri e il suo mare color zaffiro, a Sirolo, nelle Marche. Nessuno riesce a tenergli testa.

La vita è una cosa semplice, qui a Sirolo, ed è fatta di sensazioni: un bagno nel mare più turchese dell’Adriatico (Bandiera Blu d’Europa da oltre vent’anni), una partita a carte con la sabbia tra le dita per riscoprire la semplicità delle cose, e la testa finalmente libera dai pensieri.

Problemi, dove siete finiti? Ritrovarsi in questo paradiso naturale è come rinascere all’improvviso.

Che stanchezza, ragazzi ❤️ (Sirolo, Riviera del Conero)

Che stanchezza, ragazzi ❤️
(Sirolo, Riviera del Conero)

Io adoro la Spiaggia di San Michele e dei Sassi Neri a Sirolo, una lunga insenatura solitaria immersa nel verde, ideale per chi vuole fuggire a 360° dalla realtà. Il mio periodo preferito per andarci è tra la fine di agosto e gli inizi di settembre. Il mare, incontaminato e cristallino, è certamente l’attrazione principale: raggiungibile a piedi dal cimitero di Sirolo (davanti troverete un ampio parcheggio, 7 euro al giorno) tramite una strada asfaltata in discesa che incrocia un piccolo bosco di caducifoglie dove convergono diverse scalette sul mare.

Il paradiso naturale che ti accoglie al termine della scaletta. Quasi accecante!

Il paradiso naturale che ti accoglie al termine della scaletta. Quasi accecante! Non è immaginazione, è tutto vero. #nofilter

Quindici minuti di discesa (e, soprattutto, di salita) abbastanza impegnativi: ogni volta torno a casa con il dolore ai polpacci, per cui vi consiglio di non indossare sandali scivolosi e di non caricarvi con troppa roba. In alternativa, per i più pigri, c’è anche il bus, gratis se si pranza da Da Silvio. Nei weekend, ovviamente, sia il parcheggio, che la spiaggia e i bus sono molto affollati, ma c’è posto per tutti.

La spiaggia di San Michele è attrezzata con chiosco, ombrellone e lettini, mentre quella dei Sassi Neri è più wild e si conclude con degli scogli panoramici e delle cavette bianche mozzafiato. Fare una passeggiata per scoprire questo luogo magico è d’obbligo.

Non c’è la sabbia a Sirolo ma sassolini bianchi e granella. Ci sono pareri contrastanti ma personalmente, abitando sul mare e con le borse sempre piene di sabbia al ritorno, lo preferisco.

Nature, Monte Conero, Beach, Marche

Il panorama del cuore verde del Conero, lungo uno dei sentieri che porta alla spiaggia dei Sassi Neri, a Sirolo nelle Marche #nofilter

Chi mi segue lo sa: ho sempre pensato alla Polinesia Francese o all’Indonesia come quelle mete di viaggio più vicine al sogno. Che ci posso fare?

Sono un’ inguaribile fan della beachlife, possibilmente nell’acqua trasparente, tanta brezza carezzevole e una granita e una rivista ad aspettarmi sull’asciugamano. Che relax! Ecco, nella Riviera del Conero si può vivere davvero un’esperienza di felicità, che non ha assolutamente nulla da invidiare ad una spiaggia tropicale.

L'unico posto dove vorrei essere, quando ci sono 35 gradi.

L’unico posto dove vorrei essere, quando ci sono 35 gradi. L’acqua è trasparente e sempre freschissima!

Tra i luoghi indimenticabili, la piazzetta di Sirolo, con la sua vista mozzafiato: l’ideale per romantico aperitivo al tramonto con ancora la sabbia tra i capelli, e magari un calice di Rosso Conero. Fate anche una tappa al borgo, molto affascinante. La Bella Vita!

Sirolo, Marche, Monte Conero, Little Square

La “piazzetta” a Sirolo, con un’incredibile vista sul mare e sul Monte Conero 📷

 

Molto ancora resta da scoprire.

Chi invece volesse provare l’emozione di una vera vacanza da celebrity, può arrivare via mare attraverso uno dei tanti traghetti che dal porto di Numana conduce alla Spiaggia delle Due Sorelle, simbolo della Riviera del Conero. Non mancate una tappa in questo tesoro naturale che assomiglia un po’ a Capri per via dei due faraglioni (le due sorelle, appunto) che emergono dal mare. Accidenti, ad oggi non sono ancora riuscita ad andarci, ma vedo foto incredibili. Mi raccomando il Borsalino!

Altri luoghi incantati da non lasciarsi scappare sono senza dubbio la Baia di Portonovo, con deliziosi stabilimenti balneari e ristoranti molto glam, il cui colore predominante è il bianco, così da ricordarci la Grecia. Scenari più selvaggi sono a Mezzavalle, con La Vela (dove si può fare snorkeling) e Il Trave. Se riuscite, fate anche un salto all’abbazia romanica di Santa Maria di Portonovo, molto suggestiva dal punto di vista artistico. E per finire, immancabile un approdo a Numana, con i suoi lidi di ghiaia e calette di rara bellezza, che si alternano a litorali (come quello di Marcelli) l’ideale per famiglie con bambini.

Questo, però, è solo un aspetto della Riviera del Conero.

Le spiagge qui respirano al ritmo della natura. Per quelli non particolarmente interessati all’abbronzatura, nella Riviera del Conero si può anche alternare il relax del mare a diverse attività sportive, come escursioni a cavallo, in mountain bike o semplici passeggiate a piedi immersi nel verde, più rilassanti e raccolte. Le mie preferite. Ben 18 percorsi escursionistici, di diversi gradi di difficoltà e segnati da un tabellone iniziale, vi aspettano con i loro scorci panoramici indimenticabili. Per la prova costume, si sa, prima bisogna faticare.

 

Escursione nella Riviera del Conero

Hiking per i sentieri della Riviera del Conero. Un selfie panoramico era d’obbligo!

Signori miei, appendete il cartello chiuso per ferie perché la Riviera del Conero, con il suo clima ventilato e il suo mare azzurro intenso, è davvero l’ideale per ricaricarsi e inoltre, è raggiungibile in poco tempo da ogni parte della nostra penisola.

http://www.rivieradelconero.info/it/home/

Riviera del Conero, più vicina di quanto immagini

Io non amo l’Italia o meglio non amo quel che è diventata in Italia, al momento: non c’è lavoro, e dominano quotidianamente delinquenza e bigottismo delle persone. Pertanto, bado bene a prenotare biglietti per le grandi capitali europee proprio perché mi illudono di essere in un posto in cui funzionano le cose e dove la gente è più aperta e appassionata. Eppure mi ritrovo sempre a parlare di lei, perché, non si può ignorarlo, la sua bellezza è insuperabile.

Questa settimana me lo ha ricordato Trivago con un contest creativo volto a decretare la meta italiana #ReginaDellEstate di quest’anno, e attraverso le meravigliose immagini degli utenti, non ho potuto fare a meno di ricordarmi della fortuna di vivere in questo paradiso.

Bhè, dopo questo post, avrete capito per chi ho votato e dove sono stata questo weekend. E voi che fate, non venite?

Buone vacanze a tutti!

Fefa

 

Previous Post Next Post

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply bla bla blogger 23 giugno 2015 - Social-Evolution di Paola Chiesa 23 giugno 2015 at 5:04

    […] Nel blu tra il cielo e le onde — La Riviera del Conero, nelle Marche. di Federica Farinelli […]

  • Leave a Reply