Browsing Tag

goodvibes

Blog, Life Inspiration

La vita, si sa, è uno dei migliori tour operator.

 

Chi ama scrivere è indubbiamente un viaggiatore, che invece di una Reflex ha al suo fianco un mezzo ben più stupefacente ed economico, il cuore.

Non è una tesi di fondo; certo, c’è anche chi si approccia ad una tastiera o ad un foglio per il semplice piacere di distrarsi o di esprimersi, e lo invidio.

Tuttavia almeno per me, scrivere equivale a relazionarsi con se stessi, riordinare i pensieri e le emozioni, meccanismo brutale con cui se sono brava, riesco addirittura a farvi sbarcare in una realtà alternativa, un mondo migliore a metà tra il reale e il fantastico, da cui attingere nuova energia e ispirazione.

Ma non è sempre una passeggiata trasformare questa sofferenza in felicità, sembrare spiritosa e brillante, “piacere” insomma quando non ne ho nessuna voglia.

Settembre per me è iniziato con un nuovo lavoro inaspettato da imparare, e una lotta contro il tempo per le altre faccende, come quella di aggiornare questo spazio. No, non sto cercando scuse. L’avrete capito, non sono certo una di quelle persone con una vita perfetta alla Instagram. Ho attraversato, e tuttora sto attraversando, un periodo difficile, i miei punti cardinali sono mutati, e il mio entusiasmo dirottato nella spazzatura. La vita, si sa, è uno dei migliori tour operator.

You don’t always need to have a plan. Sometimes you just need to wait and see where life takes you.

E così Natale quest’anno ha avuto il muso lungo, per il terrore di cadere e fallire e la curiosità e la voglia di spiccare il volo.

Poi mi sono accorta che, come al solito sopraffatta da un’insicurezza all’altra, non mi stavo godendo assolutamente niente di queste meritate vacanze – cibo a parte. Così mi sono chiesta, appena in tempo: “Accidenti, che cavolo ti sta succedendo? Vuoi davvero rovinarti le feste per i brutti pensieri?” e ho deciso, finalmente, di fermare il tempo e rilassarmi. Tentare di essere felici, cavolo, è la disciplina più difficile per l’uomo. Se mi preoccupo o non mi preoccupo, tanto, le cose non cambiano. Que sera, sera, per cui. No?

Il 2015 si sta spegnendo, tante cose si sono messe in discussione ma forse tutta questa inquietudine e amara saggezza è il prezzo da pagare per crescere. “Time is out of joint“, il tempo è dissestato, per dirla drammaticamente alla Amleto.

Eppure non mollo.

Sono tornata a leggere e a scrivere, perché essere se stessi e fare quello che si ama, è un valore imprescindibile, che non si può infrangere. Eppoi io non riesco a fare a meno della bellezza.

Pertanto, non temano quelli che in questi mesi mi hanno chiesto preoccupati, con mio stupore ed incredulità: “ehy, ma il tuo blog?”, “non aggiorni più fefa.it?” “fefa esiste ancora?”. Quest’ultima domanda mi ha dato molto da pensare. Certo che esiste, e fortunatamente si evolve.

Non ho mai creduto fino in fondo in questo progetto ed è per me ogni volta un’emozione che mi pensiate e mi sproniate. Grazie: il mio blog è senza dubbio tra le cose più belle del 2015 e lo devo solo a voi. Ma anche a quei gufi che credono che io qui ci scriva le “cazzate”.

In fondo, le novità più belle accadono solo quando ti butti. Così stanno le cose, a quanto pare.

Tutto sommato, lavoro proprio per tornare a viaggiare sul serio e avere chicche da raccontarvi. Tra i miei #TravelDream2016 c’è il Giappone!

Fefa.it c’è, resiste valorosa e vi fa i suoi migliori auguri di Natale e Buon Anno Nuovo.

Qualsiasi cosa avvenga, imparo. Ogni volta è un guadagno.

Marguerite Yourcenar

Un bacio, Fefa

tumblr_njq9j3EuzT1rdh2cxo1_500

 

 

 

 

Blog, Travel

Small Happy Things — Valle dei Tre Santi, Marche

Spesso mi capita di pensare al senso della vita, soprattutto quando questa vita non va.

Osservare gli altri, i loro successi, le mie sfighe, fare bilanci, confrontarsi, maledettamente paragonarsi, puntualmente rattristarsi.

Sì, ci casco anche io. Non sempre, per fortuna.

Anni fa ho lasciato un lavoro insopportabile, con uno stipendio normale e l’aria condizionata perché i miei anni migliori si stavano consumando dietro 12 ore di lavoro al giorno. Su questo non c’era dubbio. Non mi sono pentita. Non ci si pente mai di un panino morso al volo in auto, tra mille imprecazioni (mie e del capo), del tornare a casa che è ora di andare a dormire, dello svegliarsi già stanchi con la testa vuota e la freddezza nel cuore, così per anni e anni.

Non so come andrà alla fine della fiera, non ho il libretto d’istruzioni per la felicità, vado a tentoni, ma ho imparato che la qualità della vita è un valore inestimabile, molto più dell’affannarsi maniacalmente ad accumulare soldi, che poi neanche puoi spendere.

Adesso che il tempo sembra tutto mio, ho però un futuro traballante, un top invece di due, un’escursione tra i boschi invece di un viaggio di due settimane intorno al mondo, come facevo una volta, ma se mi guardo dentro e guardo oltre, non ha importanza, in fondo va bene così.

Live! Live the wonderful life that is in you! Let nothing be lost upon you. Be always searching for new sensations. Be afraid of nothing.”

Oscar Wilde, The Picture of Dorian Gray

Bisogna vivere con intensità, seguire l’istinto, per quanto possibile, perché di vita ce n’è una, e non si può, senza conseguenze, sprecarla per ciò che non ci appassiona. Non condanniamoci al grigiore di una vita mediocre. Ma soprattutto, bisogna disfarsi delle cose superficiali.

Parliamoci chiaro: siamo molto fortunati. Tutti ci lamentiamo della crisi, ma abbiamo un’auto, l’ultimo modello di cellulare, il condizionatore, un armadio in cui non entrano più vestiti e continuiamo tuttavia a comprarli, siamo sempre a raddrizzare il taglio dal parrucchiere o a sfogliare annoiati il menu al ristorante. Circoleranno meno soldi e meno opportunità di lavoro, senza dubbio, ma dopo tutto, non ci mancano certo i beni essenziali.

No, non sono stata in India o in Africa, il mio è un discorso che vuole arrivare ad un punto preciso, e cioè che io non voglio essere una di quelle che non apprezza più niente.

Una di quelle sommersa da cose superflue, materiali, inutili, che non si emoziona più, che non si appassiona più, che non pensa più, annoiata com’è ad avere tutto.

Un cuore arido, senza spontaneità. Un po’ come quelle star, così piene di pellicce, che poi non riescono più a regalare nulla nelle loro canzoni tutte uguali.

Questo mi spaventa.

Io voglio poter restare semplice, autentica e piena di curiosità. Voglio poter regalare la mia parte migliore agli altri, quella più coinvolgente. Voglio poter approfondire il senso delle mie emozioni, dal banale distinguere la bellezza di una rosa anche se nascosta nel cemento della città o dall’essere figlia del dubbio ma della voglia di crescere.

Non credo che sia questione di essere romantici o poetici. Piuttosto si tratta di porre fine a questa insoddisfazione e tornare a sentirsi vivi e non zombie.

Ma in fondo, neppure io sono immune da questa malattia del consumismo e così, bisogna continuamente allenarsi a mantenere attivo lo stupore per le piccole cose. 

Un po’ ho capito come si fa.

Basterebbe spegnere anche solo per un giorno la quotidianità per accendere i sensi e ritornare ad apprezzare ardentemente la vita. Per riposare dentro. Ritrovare l’entusiasmo. O per chiedersi più volte: Io cosa voglio veramente? Il percorso che sto attraversando mi rende davvero felice? E quando lo si è capito, avere il fegato di mollare la propria comfort zone, e ricominciare da zero, perché si sente che quello è il proprio destino.

Quando ho conosciuto Elizabeth Sunday Anne,– s’intende tramite internet e il suo blog  Too Happy To Be Homesick – CRONACHE SEMISERIE DI UNA VIAGGIATRICE BIZZARRA – di lei sapevo solo del suo coraggio con cui, stanca di svegliarsi al mattino e avere già il muso lungo, ha abbandonato un posto di ruolo nella scuola pubblica per riconciliarsi con se stessa in India.

Non a Salsomaggiore Terme, in India.

I più noiosi e bacchettoni staranno pensando: “Che folle!”. Per altre e quelle come me, invece, che non smettono mai di indagarsi e di fare rivoluzioni interiori, è di grande ispirazione. Leggetela.

“Il più bel viaggio di una vita è essere completamente se stessi e in questa scoperta emanare luce, e amore infinito. Essere se stessi significa donare luce al mondo.”

Stephen Littleword, Piccole cose

Ebbene, come non essere d’accordo?

Continua a Leggere

La foto è stata presa da www.pinterest.com
Life Inspiration, My Guide To Happiness

Oggi ho fatto yoga (dovresti provarci anche tu)

Le cose misteriose dell’Oriente, siano esse di ieri o di oggi, ci attraggono da sempre con il loro fascino.

Ma lo yoga ha smesso da tempo di evocare solo un trend, per diventare una costante di oltre 250 milioni nel mondo.

Che non siano solo meri esercizi fisici dettati dalla moda del momento è palese, ma che cosa è per davvero? Le nozioni in merito sarebbero davvero infinite, perciò mi sono promessa di essere più concreta possibile per fare chiarezza su quello che più mi sta a cuore. Perché non si può parlare di me senza parlare di yoga.

Da sempre nutro per la spiritualità e per la salute in generale un profondo amore: era nel mio destino imperscrutabile appassionarmi allo yoga! Tuttavia, a parte l’evidente predisposizione, ci sono diversi aspetti che mi ci hanno avvicinato, come credo sia successo a molti altri:

  1. il sentirmi soffocata, ad un certo punto molto stressante della mia vita, da tutti i mali del nostro millennio: ansia, insonnia, confusione, tristezza, attacchi di panico. Quel che si dice “essere arrivati alla frutta”
  2. i non meno invalidanti e comuni disturbi muscolari derivanti da una vita sedentaria, costretta su una scrivania anche 10 ore al giorno
  3. la mancanza di tempo e la pigrizia
  4. la necessità di stare in forma (mentalmente e fisicamente), appunto, con poco tempo a disposizione.
  5. cercare uno sport da praticare tutti i giorni, ma che non mi facesse lavare i capelli tutti i giorni

Sufficiente, no?

No, non voglio essere una di quelle con la presunzione di dire che lo yoga è il miglior sport al mondo e dovrebbero farlo tutti, perché penso che ognuno sia libero di fare ciò che gli piace.

Se vi piace lo yoga, fatelo. Se vi piace la zumba, andate a zumba.

Se c’è un modo per raccontare dello yoga, è partire dai pregiudizi. Da quelle convinzioni mediocri a cui sono solita sbadigliare o sgranare gli occhi, nel bel mezzo di informali conversazioni tra amici, ancora nel 2018.

“Io-non-riesco-neanche-a-toccarmi-il-ginocchio-figurati-se-riesco-a-fare-quelle-cose”.

Non è nulla di così IMPOSSIBILE, a meno che non dobbiate imitare i contorsionismi del Cirque du Soleil! Agli inizi è normale sentirsi goffi e perplessi e non riuscire a stare neppure in equilibrio o a toccarsi la punta del piede. L’importante è provarci, #yogaeverydamnday, ogni singolo giorno con costanza, iniziando gradualmente, dal semplice STRETCHING fino ad arrivare ad eseguire le posizioni più complesse. La flessibilità migliora giorno dopo giorno, (non è una leggenda metropolitana, eh) , non siamo tutti uguali e allenati allo stesso modo, e mano a mano ci si sente più sicuri e padroni dei movimenti. Vi linko uno dei video di Rebecca Louise, la mia preferita, che riesce a rendere qualunque lezione molto chiara, ma piena di entusiasmo. Merito anche dei posti paradisiaci alle spalle! Senza muovervi da casa, come fanno molti, potete consultare il suo profilo su YouTube, e trovare molti spunti interessanti per allenarvi.

“Ma-che-ci-vuole! E-questo-lo-chiami-sport?”

Solitamente quelli che iniziano così, si strappano per una settimana dopo mezzo esercizio o lo eseguono malissimo, senza alcuna grazia. Insomma, non ci hanno capito niente. Le asana sono solo una piccola parte della disciplina: non ci troviamo davanti ad uno sport competitivo (come ad esempio, il Push! Push! Push! nello spinning), non si è ossessionati dall’idea di vincere – che si traduca in consenso da parte degli altri o egocentrismo – né nell’osannazione della perfezione – senza dubbio perseguita nella danza – o nel miglioramento estetico ad ogni costo – vedi il crossfit -. Stare bene, dentro e fuori, è il caposaldo dello yoga.

 

http://freepeople.tumblr.com/post/124364612930/visualization-is-a-gift-read-5-things-we-learned

Take a moment to relax and listen to yourself. (E tu, quando stacchi la spina, la stacchi davvero?)

Continua a Leggere